L’amo e l’esca

Si può abboccare all’amo della bellezzza?

Possiamo diventare noi l’esca della cultura?

L’uomo nuota in un mare, la vita, fatto di correnti, di profondità, di tempeste e di bonacce.

Spesso nuota ma più spesso galleggia; spesso ha una rotta ma più spesso va alla deriva.

L’acqua limpida ci restituisce l’immensità del mare, l’acqua torbida ci restituisce i nostri limiti, soprattutto quelli visivi rendendoci ciechi alle profondità.

Si può abboccare alla bellezza se non è appetibile, luccicante, conosciuta?

Scomodando Feuerbach, l’uomo è ciò che mangia, migliore sarà la sua “ alimentazione “ e migliore sarà la sua capacità spirituale.

Il nostro mare è pieno di esche “culturali” prelibate ma pochi sembrano abboccare, soprattutto tra quelli seduti ai tavoli meglio imbanditi.

E la sazietà di certi individui tanto contrasta con la bellissima voracità dei più giovani , così bistrattati e demonizzati..

A me piace dissimulare il mio mare di esche scarne, scure, rarefatte e a volte impalpabili, e sempre di più nuoto a farmi esca io stesso.

Luigi Grieco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...