Prime Visioni

Ritornando da una passeggiata serale , mi ritrovo questo re-portage delle mie visioni, momenti di realtà presi prima che l’Organizzatore omologhi in qualche modo il nostro inconscio ai codici sociali.

La distanza tra i nostri occhi e i nostri piedi sembra quasi togliere stabilità alla nostra visione mentre passeggiamo.

Oppure più semplicemente il viaggiatore/sognatore non ha bisogno di tenere il contatto con il suolo nel suo andare.

Luigi Grieco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...